Il ruolo della misurazione nella valutazione del rischio da radiazioni non ionizzanti: campi elettromagnetici e radiazioni ottiche (dBA, 2014)

Home / Pubblicazioni / Il ruolo della misurazione nella valutazione del rischio da radiazioni non ionizzanti: campi elettromagnetici e radiazioni ottiche (dBA, 2014)

Il ruolo della misurazione nella valutazione del rischio da radiazioni non ionizzanti: campi elettromagnetici e radiazioni ottiche (dBA, 2014)

Pubblicazioni

18 settembre 2014

La valutazione dei rischi derivanti dall’esposizione dei lavoratori a determinati fattori o agenti può richiedere un’attività tecnica volta a quantificarne l’esposizione.
Nel seguito ci proponiamo di considerare il ruolo di quest’attività ed i suoi obiettivi. Lo scopo è da un lato di riflettere su quando si renda necessario attivarla e dall’altro di capire quali obiettivi ci si può attendere di raggiungere. A questo ultimo proposito è dedicata una riflessione sugli aspetti di precisione delle misure ed è proposto di considerare le importanti differenze che sussistono tra l’ambiente controllato di un laboratorio di misura e l’ambiente di lavoro.
Si giunge quindi a considerare l’importanza ricoperta dalla definizione delle procedure di misura al fine di garantire l’affidabilità dei risultati dell’accertamento tecnico.
Nella seconda metà del lavoro sono affrontati specifici temi riguardanti la pratica della valutazione dei livelli di esposizione a campi elettromagnetici e a radiazioni ottiche, limitatamente a quelle non corenti.

G. Gambino, A. Merlino, G. Quadrio (2014) Il ruolo della misurazione nella valutazione del rischio da esposizione a radiazioni non ionizzanti: campi elettromagnetici e radiazioni ottiche, relazione a invito, atti del convegno dBA 2014 (Modena 17 settembre 2014); 7 – 23


Ultimo aggiornamento il 28 Settembre 2018.