blog

Home / blog
dBA 2018 – I rischi fisici nei luoghi di lavoro

dBA 2018 – I rischi fisici nei luoghi di lavoro

Convegni
Bologna, mercoledì 17 ottobre 2018 Il Convegno Nazionale dBA2018 "I Rischi Fisici nei luoghi di lavoro" sarà incentrato, analogamente alle edizioni degli anni precedenti, sulla tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro, con particolare riferimento ai rischi derivanti dalla esposizione ad agenti fisici. L'edizione del Convegno dBA2018 sarà inclusiva di approfondimenti relativi a tutti i rischi fisici nei luoghi di lavoro: l'intento è quello di raccogliere il contributo degli esperti e dei professionisti del settore, condividere conoscenze ed esperienze per la valutazione del rischio occupazionale derivante dalla esposizione ad agenti fisici, mediante la presentazione delle novità legislative in materia, l'analisi delle criticità derivanti dalla loro applicazione, nonché di casi e studi in ambito industriale, sanitario e di ricerca. Visita la pagina con le informazioni complete, cliccando qui.
Read More
Esposizione a campi elettromagnetici in ambito RMN

Esposizione a campi elettromagnetici in ambito RMN

Approfondimenti
7 marzo 2018 Premessa I dispositivi per RMN producono tre diverse tipologie di campo elettromagnetico: un campo magnetostatico (CMS) molto intenso un campo elettromagnetico a radiofrequenza (CRF) attivato ad impulsi; un campo magnetico di gradiente (CMG) a frequenza intermedia. Nella maggior parte delle situazioni il personale sanitario è esposto solo al CMS e alle conseguenze dei movimenti in esso. Il personale, infatti, lascia il locale che ospita il dispositivo durante l’esecuzione degli esami, quando vengono attivati il CMG e il CRF. Vi sono però alcune eccezioni, come la risonanza magnetica interventistica (ossia l’esecuzione di interventi chirurgici sotto continuo monitoraggio RM) oppure il caso di esami su soggetti sedati, per i quali può essere necessaria la presenza di un anestesista accanto al paziente. Il campo elettromagnetico a radiofrequenza è comunque poco…
Read More
Valutazione della qualità dell’aria negli ambienti indoor. Un contributo nella direzione di un metodo condiviso (AIDII, 2018)

Valutazione della qualità dell’aria negli ambienti indoor. Un contributo nella direzione di un metodo condiviso (AIDII, 2018)

Pubblicazioni
16 giugno 2018 Il legislatore, con il D.Lgs 81/08 (Testo Unico sulla Salute e Sicurezza nei Luoghi di Lavoro) prescrive il rispetto di specifici requisiti negli ambienti chiusi, in relazione al microclima, la qualità dell’aria, l’illuminazione e il rumore. Questo lavoro interviene nel merito della qualità dell’aria degli ambienti indoor, argomento sul quale, da alcuni anni, è vivo il dibattito in merito agli indicatori da utilizzare per tale valutazione. Si ricorda che con ambiente indoor si intendono gli ambienti di lavoro dove non avviene alcuna produzione industriale che possa giustificare la presenza di agenti o sostanze nocive (uffici, call center, esercizi commerciali, banche, luoghi di cura, …) L’attesa è di giungere a un set di indicatori che costituisca una base valida per un generico ambiente indoor e che sia definita…
Read More
45° Convegno Nazionale AIA

45° Convegno Nazionale AIA

Convegni
Aosta, 20-22 giugno 2018 Il Convegno affronterà le tematiche più attuali nei settori dell’analisi e controllo del rumore ambientale, della qualità acustica in edilizia e degli ambienti di lavoro, considerando anche i più recenti sviluppi in campo normativo ed in tutti gli altri settori più avanzati della ricerca in acustica fisica, ambientale, architettonica, musicale e metrologica. Le diverse sessioni saranno articolate in relazioni ad invito, comunicazioni orali e poster, presentate in sessioni parallele. Particolare attenzione sarà rivolta ad affiancare alle tematiche consuete di interesse del convegno, nuovi argomenti di interesse nel campo dell’ecologia e della sostenibilità ambientale. Visita la pagina con le informazioni complete, cliccando qui.
Read More
AIDII, 35° Congresso Nazionale di Igiene Industriale e Ambientale

AIDII, 35° Congresso Nazionale di Igiene Industriale e Ambientale

Convegni
Torino, 13 - 15 giugno 2018 TEMI CONGRESSUALI: Rischi industriali, occupazionali e ambientali nella grande impresa I valori di riferimento nel panorama nazionale e internazionale Rischi occupazionali nel settore vitivinicolo e florovivaistico Nuove tendenze nella valutazione del rischio chimico: revisione della norma EN 689 e prospettive europee Minerali asbestiformi, fibre artificiali vetrose e nanofibre: elementi di novità nella valutazione e gestione del rischio Risk Management in ambito ambientale e gestione dei rifiuti Fattori di rischio negli ambienti di vita e di lavoro non industriali Temi liberi di Igiene Industriale: rischi chimici, fisici, biologici e trasversali Visita la pagina con le informazioni complete, cliccando qui.
Read More
AIDII Triveneta, 24° Convegno “Le Giornate di Corvara” 2018

AIDII Triveneta, 24° Convegno “Le Giornate di Corvara” 2018

Convegni
Corvara, 4 - 6 Aprile 2018 Temi congressuali: Misurazioni ambientali come strumento di valutazione del rischio chimico e di verifica degli scenari di esposizione Monitoraggio ambientale delle PFAS Impatto sulla salute e sull’ambiente delle sostanze pericolose Rischi per l’ambiente da attività agricole e combustione di biomassa Temi liberi in igiene industriale e ambientale Visita la pagina con le informazioni complete, cliccando qui.
Read More
Valutazione dell’esposizione a campi elettromagnetici attraverso gli indici di esposizione (AIDII, 2017)

Valutazione dell’esposizione a campi elettromagnetici attraverso gli indici di esposizione (AIDII, 2017)

Pubblicazioni
1° aprile 2017 Con l'emanazione del D.Lgs 159/16 il tema dell'accertamento tecnico dei livelli di esposizione dei lavoratori ai campi elettromagnetici, diventa finalmente approcciabile con uniformità di metodo. Il dispositivo riduce la possibilità di arbitrare tra metodologie di valutazione diverse, decretando che l'esposizione deve essere quantificata mediante il metodo del picco ponderato per gli effetti non termici e mediante quello della sommazione in frequenza per gli effetti termici. Queste metodologie, la cui definizione risale a più di dieci anni fa, sono ora imposte dal legislatore e devono pertanto essere adottate globalmente. Con questo lavoro si intende mostrare il potere semplificativo di entrambe, le quali, di fatto, conducono ad una valutazione dell'esposizione mediante indici di esposizione, la cui lettura può facilmente essere condotta alla portata di tutti i soggetti coinvolti nel processo di valutazione dei rischio: datore di lavoro, RSPP, medico e lavoratori. (altro…)
Read More
Esposizione alle radiazioni ottiche emesse da riscaldatori ad infrarosso secondo Linee Guida ICNIRP 2013 (AIDII, 2017)

Esposizione alle radiazioni ottiche emesse da riscaldatori ad infrarosso secondo Linee Guida ICNIRP 2013 (AIDII, 2017)

Pubblicazioni
24 Giugno 2017 Negli ultimi anni i riscaldatori ad infrarossi sono apparsi in sostituzione dei tradizionali riscaldatori a fiamma, con applicazioni nel riscaldamento di ambienti indoor cli grandi dimensioni e di ambienti outdoor come, ad esempio, aree esterne di pubblici esercizi. Tuttavia la presenza di sorgenti importanti di infrarossi pone un problema di sicurezza fotobiologica rilevante per gli occhi dei soggetti esposti, anche in considerazione del fatto che l'esposizione riguarda generalmente soggetti inconsapevoli del rischio e/o individui della popolazione generale di cui possono fare parte minori e soggetti in condizioni di particolare suscettibilità all'esposizione a questo tipo di radiazione. A differenza di quanto ci si aspetterebbe, nei manuali d'uso di tali apparecchiature spesso non si trovano informazioni da parte del produttore sul corretto utilizzo del dispositivo e sui rischi ad esso associati. Il presente lavoro si pone l'obiettivo di valutare il rischio oculare da esposizione…
Read More
Monitoraggio ambientale di diossine e furani

Monitoraggio ambientale di diossine e furani

Approfondimenti
17 gennaio 2017 Premessa Con il termine generico di “diossine” si indica un gruppo di 210 composti chimici aromatici policlorurati, ossia formati da carbonio, idrogeno, ossigeno e cloro, divisi in due famiglie: dibenzo-p-diossine (PCDD o propriamente “diossine”) e dibenzo-p-furani (PCDF o “furani”). Si tratta di idrocarburi aromatici clorurati, per lo più di origine antropica, particolarmente stabili e persistenti nell’ambiente, tossici per l’uomo, gli animali e l’ambiente stesso; le diossine e i furani costituiscono infatti due delle dodici classi di inquinanti organici persistenti riconosciute a livello internazionale dall’UNEP (United Nations Environment Programme). Esistono in totale 75 congeneri (specie) di diossine e 135 di furani: di questi però solo 17, 7 PCDD e 10 PCDF rispettivamente, destano particolare preoccupazione dal punto di vista tossicologico. I 17 congeneri che hanno un interesse tossicologico…
Read More